Villa Literno news
Cronaca dall'Italia In primo piano

Virginia Raggi: “Questa sentenza spazza via due anni di fango. Andiamo avanti #ATestaAlta per #Roma, la mia amata città, e per tutti i cittadini”

La sindaca di Roma era accusata di falso per la storia della nomina di Renato Marra, ma il tribunale ha deciso che «il fatto non costituisce reato»: significa che non dovrà dimettersi

La sindaca di Roma Virginia Raggi è stata assolta dall’accusa di falso nel processo di primo grado in cui era imputata per la storia della nomina di Renato Marra – fratello dell’ex braccio destro di Raggi, Raffaele – alla direzione del Dipartimento turismo. Il giudice ha stabilito che «il fatto non costituisce reato». L’assoluzione di Raggi è importante soprattutto perché in caso di condanna, secondo quanto prevede il codice etico del Movimento 5 Stelle, si sarebbe dovuta dimettere da sindaco e si sarebbero dovute organizzare nuove elezioni. I pm avevano chiesto una condanna 10 mesi per Raggi; la procura attenderà le motivazioni della sentenza per decidere se ricorrere in appello. Il processo contro Raggi era iniziato lo scorso giugno con la formula del giudizio immediato richiesto dalla sindaca (il giudizio immediato serve essenzialmente ad accorciare i tempi del processo). Raggi era accusata dai magistrati di aver dichiarato il falso al responsabile anticorruzione del comune di Roma in occasione del trasferimento di Renato Marra dalla polizia municipale alla direzione del Dipartimento turismo, con un conseguente cospicuo aumento di stipendio. All’epoca, il braccio destro e principale consigliere della sindaca era il fratello di Renato, Raffale Marra, successivamente accusato di corruzione e arrestato per una vicenda precedente che non ha a che fare con la sindaca Raggi. Secondo l’accusa, Raffaele Marra aveva fatto pressioni sulla sindaca affinché questa trasferisse il fratello Renato all’incarico più remunerativo. Visto che la sindaca dichiarò ufficialmente al responsabile dell’anticorruzione di aver nominato Marra in “autonomia” la sindaca, secondo i pm, aveva commesso il reato di “falso”. Inizialmente la sindaca era accusata anche di abuso d’ufficio perché avrebbe commesso irregolarità nella nomina di Marra, accusa successivamente archiviata.

Articolo pubblicato su: www.ilpost.it

Related posts

La Compagnia Teatrale “Ridiamo che ci passa” presenta il programma per le feste natalizie

admin

Commemorazione dei Caduti in guerra.

admin

Napoli-Empoli 5-1: tripletta Mertens, -3 dalla Juventus

admin

Leave a Comment